La bella Gigogin

La bella Gigogin

Rataplan, tamburo io sento
che mi chiama alla bandiera,
oh che gioia, oh che contento
me ne vado a guerreggiar!

Rataplan, non ho paura
delle bombe e dei cannoni,
io vado alla ventura
sarà quel che sarà.

Oh la bella Gigogin
con quel tra-la-li-la-lera,
oh la bella Gigogin
con quel tra-la-li-la-larà

A quindi anni faceva l’amore,
dàghela avanti un passo,
delizia del mio cuore.
A sedici anni prendeva marito,
dàghela avanti un passo,
delizia del mio cuor.

Oh la bella Gigogin
con quel tra-la-li-la-lera,
oh la bella Gigogin
con quel tra-la-li-la-larà

Se vuoi venire alla festa da ballo,
balleremo insieme quattordici quadriglie;
balla la madre con tutte le figlie,
dàghela avanti un passo,
delizia del mio cuor.

La ven, la ven, la ven a la finestra,
l’è tutta, l’è tutta, l’è tutta incipriada,
la dis, la dis, la dis che l’è malada
per non, per non, per non mangiar polenta,
bisogna, bisogna, bisogna aver pazienza,
lasciarla, lasciarla, lasciarla maridà.

Oh la bella Gigogin
con quel tra-la-li-la-lera,
oh la bella Gigogin
con quel tra-la-li-la-larà

Lascia un commento